D.mare | numero 26 | settembre 2017

D.mare | numero 26 | settembre 2017 - D.MARE.ONLINE

Settembre, andiamo è tempo di ritorni
Settembre, ritorno alla ragione. Alle sudate carte. Dopo la pazza e calda estate, si torna alla routine, noiosa ma certa. 
E la certezza da’ sicurezza. La città si ripopola, spariscono i posti vuoti nei parcheggi, riaprono i negozi. Si trovano elettricisti e idraulici per riparare i guasti magicamente verificatisi alla vigilia dell’ ineluttabile Ferragosto, appuntamento dal parrucchiere per rimettere ordine nelle chiome gualcite da sole e mare, dall’estetista per il restyling post ferie. Ultimi sussulti estivi tra Regata del Conero e Festa del mare, con lo sguardo già all’arrivo di settembre, foriero di novità, anche se non sempre positive. Ma pur sempre novità. Archiviata la canonica settimana delle ferie di Augusto, che per chi resta significa aggirarsi in una città fantasma, in un’atmosfera da day after che ha comunque il suo fascino, il settimo mese del calendario romano (da qui il nome) tra Vergine e Bilancia, è il benvenuto. Un rientro al quotidiano e alla normalità. Madri e figli subito al centro commerciale per quaderni, penne e astucci, perché a giorni si torna anche a scuola. • m.r.



Numero 26 Numero 26 [4.070 Kb]

D.mare | numero 25 | agosto 2017

D.mare | numero 25 | agosto 2017 - D.MARE.ONLINE

Agosto, ferie, città vuote e stelle cadenti
Agosto tra la notte di San Lorenzo e Ferragosto, festa di origine romana che si riferisce alle ferie di Augusto, l’imperatore. E delle ferie, agosto è il mese per eccellenza. Tutto si ferma, fabbriche, scuole, università, uffici pubblici. Trenta giorni di vacatio, di città vuote, spopolate dalla calura, ma anche dei primi temporali, spesso violenti. In questa sorta di sospensione, difficile per chi resta trovare negozi aperti. 
Ci si rifugia nei centri commerciali per rifornirsi e rinfrescarsi, con quell’aria condizionata a palla che piace tanto. Siamo diventati tutti americani… E intanto si aspetta che passi questa propaggine d’estate, per chi in vacanza è già stato. Invece per chi è costretto a muoversi in questo periodo, la caccia è aperta alla località non presa d’assalto e a prezzi umani. Si sa che più domanda c’è, più il balzello lievita. Ma anche se le vacanze si sono accorciate, tutti cercano una boccata d’aria dalla routine, dal solito paesaggio e soprattutto dalle solite facce. Ma agosto è anche il mese dei buoni propositi, come Capodanno, ci si dice sotto l’ombrellone: da settembre… e giù una serie di pii desideri che non realizzeremo ne’ a settembre, ne’ poi. • m.r.


Numero 25 Numero 25 [3.968 Kb]

D.mare | numero 24 | luglio 2017

D.mare | numero 24 | luglio 2017 - D.MARE.ONLINE

Riecco luglio, trentuno giorni al gusto d'estate
E siamo a luglio. Mese d’estate piena, che regala caldo e vacanze. Il nome, si sa, deriva da Giulio Cesare, nato attorno alla metà del mese (il 12 oppure il 13, a seconda delle fonti). In precedenza, nel calendario romano di Romolo, era il quinto mese e aveva il nome di Quintile (quintilis), nome latino del numero cinque. Venne poi cambiato in iulius per ordine di Marco Antonio. Ma luglio è l'unico mese ad avere due "giorni immaginari" utilizzati nella letteratura fantascientifica e nel sottogenere della canzone denominata "demenziale": il 32 luglio è il giorno in cui gli abitanti di una società totalmente asservita ad un immaginario potere temporale vivevano in permanenza nel romanzo breve di Frederik Pohl "Il tunnel sotto il mondo" (1955), trasposto in film nel 1969 da Luigi Cozzi, mentre "38 luglio" è il titolo del primo singolo del 1973 del gruppo degli Squallor. Si tratta di 31 giorni con varie ricorrenze: il 4 luglio 1776 viene emessa la dichiarazione di indipendenza, che segna la nascita degli Stati Uniti d'America, il 5 luglio 1996: nasce il primo mammifero clonato, Dolly, il 14 luglio 1789: presa della Bastiglia,  il 20 luglio 1969: l'americano Neil Armstrong è il primo uomo a camminare sulla Luna. Ma a parte le chiacchiere, buona estate. Tra mare, montagna e notti stellate. • m.r.

Numero 24 Numero 24 [4.746 Kb]

D.mare | numero 23 | giugno 2017

D.mare | numero 23 | giugno 2017 - D.MARE.ONLINE

Sole, mare, caldo. Finalmente ecco l'estate
Eecco giugno, D.Mare compie due anni e finalmente arriva la stagione dei bagni. Spiaggia, sole, gite in barca, regate. Il 2 giugno è la Festa della Repubblica, il 21 è il giorno più lungo dell’anno, il giorno del solstizio d'estate, dal latino “sol”, sole, e “sistere”, fermare. E, infatti, il Sole brilla nel suo giorno più lungo poco oltre le 15 ore. Ogni religione abbraccia questo “passaggio” con canti e balli. Ad esempio, fin dai tempi antichi, i Celti e gli slavi celebravano il primo giorno d'estate anche con falò per contribuire ad aumentare l'energia del sole. In questo modo, si sarebbe data una spinta all'energia del Sole in modo tale da farlo rimanere potente per tutto il resto della stagione, portando crescita economica raccolto abbondante. Ovviamente, cerimonie pagane spesso si associano a Stonehenge. In occasione del solstizio, il Sole raggiunge il suo punto più a nord sulla sfera celeste, ossia la sfera immaginaria di stelle che circondano la Terra. Se ci si trova all'interno del monumento di Stonehenge, il giorno del solstizio d'estate, in direzione nord-est e verso una pietra grezza nota come “il tallone di pietra”, si può assistere al suggestivo fenomeno del sorgere del Sole, che qui ha una connotazione particolare. E giugno porta ad Ancona Ticiporto al molo Rizzo, la gente torna a vivere il suo porto antico, 
                                                                              dove sarà inaugurata la Fontana dei due soli,
                                                                              che ha la firma illustre di Enzo Cucchi.  • m.r.

Numero 23 Numero 23 [4.395 Kb]

D.mare | numero 22 | maggio 2017

D.mare | numero 22 | maggio 2017 - D.MARE.ONLINE

Arriva maggio che sa già d'estate
Maggio voglia di mare, di sole e di vacanze. È il quinto mese del calendario gregoriano, era il terzo mese dell'anno del calendario di Romolo,  riformato da Numa Pompilio con l'aggiunta di gennaio e febbraio. Il Primo Maggio è la Festa del lavoro o dei lavoratori che ha una lunga tradizione, nasce infatti a Parigi il 20 luglio del lontano 1889. L’idea venne lanciata durante il congresso della Seconda Internazionale, che in quei giorni era riunito nella capitale francese. Durante i lavori venne indetta una grande manifestazione per chiedere alle autorità pubbliche di ridurre la giornata lavorativa a otto ore. È anche il mese che la Chiesa dedica alla Madonna, e in generale alla figura della mamma, che si festeggia in questo periodo. Sul piano astronomico, s'inizia a delineare il cielo tipico delle notti estive, con la costellazione di Boote in posizione dominante, grazie alla spiccata luminosità di Arturo, terza stella più brillante della volta celeste. Se la stagione decolla ci regala i giorni più belli per i primi bagni al mare, con le spiagge ancora vuote e il sole che offre il calore quasi estivo. • m.r.

 

Numero 22 Numero 22 [4.174 Kb]
D.MARE.ONLINE

Visita la nostra pagina Facebook per notizie ed aggiornamenti

 

Direttore responsabile
Marina Roscani
marinaroscani5@gmail.com

Progetto grafico e art direction
Sergio Giantomassi 

Per informazioni commerciali
Cristina Cognini
cristina.cognini@gmail.com